Zanzara tigre: perché è pericolosa per l’uomo e come difendersi

zanzara-tigre

La zanzara tigre è un insetto potenzialmente molto pericoloso in quanto può diffondere alcune malattie anche mortali.

La zanzara tigre, il cui nome scientifico è Aedes albopictus Skuse, è un insetto lungo dai 5 ai 10 mm massimo, ed è connotata da alcune strisce bianche e nere sul corpo che le sono valse il nome. Grazie a dette strisce, la zanzara tigre è facilmente riconoscibile; i maschi sono leggermente più piccoli delle femmine. La zanzara tigre è un animale che si sposta e si nutre soprattutto durante le ore del giorno, in particolare nel tardo pomeriggio e nelle prime ore del mattino. Particolarmente aggressiva verso gli uomini (è infatti una zanzara antropofila) la zanzara tigre si trova praticamente ovunque, soprattutto nelle campagne ma anche nei centri urbani che sono ideali per la sua sopravvivenza in quanto ricchi delle sue prede preferite, gli uomini.

Le femmine di zanzara tigre depongono le loro uova nelle zone ricche di acqua, piccole e scure, ad esempio dentro gli alberi, ma anche nei giardini e sui terrazzi, e non disdegnano parchi urbani e strade. I luoghi dove si possono trovare le uova della zanzara tigre sono le anfore, i sottovasi (ricchi di acqua e di umidità), i pozzetti dove si raccoglie l’acqua piovana, annaffiatoi e via dicendo. La zanzara tigre è un animale molto resistente, le uova possono sopravvivere anche a periodi di siccità di sei mesi.

Perché la zanzara tigre è pericolosa?

Le malattie trasmette dalle zanzare possono essere molto pericolose, ed è stimato che la zanzara tigre può trasmettere alcune patologie anche gravi come ad esempio la Chikungunya e la Dengue. Non solo: in sud America, l’anno scorso, si sono verificate epidemie di virus Zika, un virus che se attaccato alle donne in gravidanza comportava malformazioni nei bambini e lesioni cerebrali irrecuperabili. Anche se in Europa non si sono verificati casi di Zika, comunque il pericolo della diffusione di malattie (si pensi all’epidemia di Chikungunya a Roma l’estate scorsa) è presente. Debellare le zanzare tigre quindi è fondamentale per cercare di mantenere sotto controllo la diffusione di malattie anche gravi, specialmente perché non esiste alcun vaccino o profilassi utile per queste patologie.

Come difendersi dalla zanzara tigre

Per difendersi dalla zanzara tigre è necessario adottare alcuni accorgimenti e regole di prevenzione, vediamo le più importanti.

  • Portare sempre con sé, d’estate, il repellente per insetti specifico per zanzare e zanzara tigre. Per i bambini bisogna sempre utilizzare il repellente adatto alla loro età, e spalmarlo bene sulle parti del corpo che rimangono scoperte dagli abiti.
    Indossare abiti di colore chiaro che coprano completamente il corpo senza lasciare parti scoperte è un buon metodo, ma ovviamente in estate bisogna optare per il repellente.
    In estate, attenzione ai cespugli ed ai giardini, specie nelle zone di ombra e vicino all’acqua: proteggetevi sempre adeguatamente con il repellente ad hoc.
  • Cercare di soggiornare in luoghi protetti contro le zanzare, cioè dotati di zanzariere e climatizzazione, e nel caso in cui non si abbiano le zanzariere si possono utilizzare prodotti insetticidi.
  • Evitare i ristagni di acqua. Se si ha un giardino o si vive nei dintorni di zone con ristagni bisogna fare molta attenzione ad alcuni accorgimenti.
    Sarebbe bene trattare regolarmente con prodotti larvicidi i tombini e le zone di scolo, almeno ogni due settimane.
    Inoltre bisognerebbe eliminare i sottovasi; se ciò è impossibile, bisogna evitare il ristagno di acqua. La pulizia delle grondaie evita ristagni e quindi la proliferazione della zanzara tigre.
    Le cisterne ed i contenitori di acqua piovana andrebbero coperti con coperchi ermetici o teli.
    Le fontane possono essere protette dalla zanzara tigre con l’introduzione di cacciatori naturali della stessa come il pesce rosso.

Articoli correlati