Ferritina alta: cibi da evitare

ferritina eccessiva dieta sconsigliata

Ferritina in eccesso e alimenti da mangiare con estrema moderazione per abbassarla

Innanzitutto è bene fare chiarezza riguardo la ferritina che molti, erroneamente, confondono con il ferro. Essa, infatti è una molecola formata da un guscio proteico contenente circa 4500 atomi di ferro. È contraddistinta da una quota extra cellulare ed una quota intracellulare ed è strettamente collegata ai depositi di ferro nel corpo (il rapporto è: 8 ng di ferro nei tessuti a 1 ng di ferritina sierica). La ferritina è una proteina che in qualsiasi essere vivente serve ad immagazzinare il ferro e rilasciarlo al bisogno. Viene prodotta dal sistema reticoloendoteliale e successivamente catabolizzata dal fegato.

Valori di ferrtina elevati possono dipendere da:

  • eccessivo apporto di ferro attraverso la dieta,
  • trasfusioni di sangue,
  • epatite acuta o cronica,
  • disturbi del metabolismo,
  • infezioni croniche
  • emocromatosi ed emosiderosi

Ti riconosci in una di queste opzioni? Tieni presente che l’alimentazione e l’elevata assunzione di ferro tramite essa, è il fattore principale che causa l’eccessivo innalzamento dei livelli di ferritina nel corpo.

Parlando dunque di dieta, il consiglio è quello di limitare le fonti di ferro, ossia la carne. Quest’ultimo, infatti, è contenuto in maniera sensibile anche nei vegetali ma, in essi l’assorbimento è nettamente inferiori rispetto al ferro di origine animale. L’assimilazione aumenta quando gli alimenti di origine vegetale vengono assunti in concomitanza di vitamina C che ne modifica lo stato ossidativo, rendendolo più biodisponibile.

Vediamo quindi alcuni cibi da evitare in caso di ferritina alta o in alternativa, da mangiare con moderazione:

  • fegato di suino, bovino ed equino,
  • milza di bovino,
  • polmone di bovino,
  • uova,
  • cozze,
  • pistacchi e anacardi,
  • lenticchie secche,
  • soia,
  • fagioli bianchi,
  • ceci secchi,
  • fagioli borlotti,
  • agnello,
  • grano saraceno

Come emerge da questa lista, i prodotti di origine animale più ricchi di ferro sono le interiora il cui consumo andrebbe assolutamente eliminato, almeno per la fase iniziale della terapia.

Articoli correlati