INFUSI E TISANE: rimedi naturali a portata di tazza

Che si usino per curare l’insonnia, per digerire meglio, per riprenderci da un’influenza, per depurarci, per drenare o semplicemente per il gusto, infusi e tisane accompagnano continuamente la nostra vita.

La possibilità di curarsi e rigenerare il proprio organismo attraverso l’utilizzo del cibo e di bevande naturali è, certamente, il modo migliore per mantenere un corpo libero da elementi dannosi o non adatti al nostro fisico. Tisane e infusi racchiudono le grandi potenzialità di erbe, fiori, frutta e spezie grazie alle quali possiamo migliorare la nostra esistenza. Si tratta di rimedi naturali che possiamo consumare in qualsiasi momento del giorno a seconda del tipo di erba usata ed offrono la stessa idratazione dell’acqua con potenzialità e benefici oltre che un sapore ed un gusto in più.

In base all’ occasione e all’ esigenza del momento potrai scegliere tra le tanti tipi di tisane:

  • tisane alla frutta
  • tisane terapeutiche
  • tisane depurative
  • tisane ayurvediche
  • rooibos
  • erbe officinali
  1. Tisane e infusi alla frutta

Tra i pro delle tisane e infusi alla frutta c’è la totale assenza di caffeina (al contrario dei tè aromatizzati alla frutta) e non richiedono particolari accorgimenti per la preparazione. Le tisane alla frutta possono essere consumate con grande flessibilità, calde o fredde, quindi adatte tutto l’anno. Sono alleate utili nella digestione e nel rilassamento nelle ore serali, anche se, in generale, sono un momento di armonia e tranquillità da godersi durante tutta la giornata!

  1. Tisane ed erbe terapeutiche

Come si sa i benefici delle tisane e degli infusi sono molteplici. In base alla miscela utilizzata e agli elementi naturali scelti potremo usufruire e godere di diversi e differenti vantaggi e giovamenti. Nella macro categoria delle tisane terapeutiche si possono inserire diverse tipologie quali:

  • tisane drenanti
  • tisane depurative
  • tisane ayurvediche

2.1 Tisane drenanti e diuretiche

Le tisane drenanti sono composte da erbe naturali dall’alto potere diuretico e drenante atte a ripulire l’organismo dalle tossine accumulate. Riescono ad agire sul sistema linfatico regolando i flussi di liquidi. Eliminando gli elementi di scarto si ha, dunque, un’azione depurativa.
Le funzioni delle tisane drenanti sono molteplici: non solo aiutano ad eliminare le sostanze nocive e i liquidi in eccesso, agiscono anche sull’accumulo lipidico che causa la ritenzione idrica e, di conseguenza, la tanto temuta cellulite. Inoltre svolgono un’azione anti-fame riuscendo ad aumentare il senso di sazietà.

Solitamente una tisana drenante è composta da tre tipologie differenti di erbe: costituens (erbe con azione drenante), adiuvans (erbe con azione coadiuvante) e corrigens (erbe che correggono dando un gusto più gradevole). Tra le piante più utilizzate, per questa tipologia di tisane, troviamo: asparago, betulla, ciliegio, frassino, gramigna, mais, ortica, pilosella, centella, prezzemolo, tarassaco, menta, melissa, verbena, finocchio, anice verde, arancio, liquirizia, basilico e gelsomino.


2.2 Tisane Depurative o disintossicanti per fegato e reni

Le tisane depurative o disintossicanti sono fondamentali per il nostro benessere. Anche se, spesso, ci sembrerà di non aver bisogno di depurazione, in realtà l’organismo di tutti noi assorbe ed accumula tossine e, si sa, le tossine sono sempre lì pronte a far danni. Quando la nostra pelle appare spenta, quando la digestione rallenta, ci sentiamo gonfi, appesantiti ed affaticati, è il momento di depurare il nostro organismo.

Tutto il corpo ha bisogno di ossigenarsi e disintossicarsi ma un’attenzione maggiore va dedicata al fegato e ai reni, oltre che all’intestino, gli organi preposti a coadiuvare la depurazione. Se, quindi, periodicamente non ovviamo ad eliminare questa sorta di ‘intossicazione’ possiamo incorrere in alcune patologie come, ad esempio, il diabete, la cellulite, la ritenzione idrica, l’obesità e le patologie del fegato e dei reni.

Tra gli ingredienti che vengono utilizzati per preparare le tisane depurative troviamo, ad esempio, le bacche di rosa canina, il tarassaco con i suoi fiori e le sue radici, le foglie di ortica, la betulla, la radice di bardana, l’ortica, i semi di finocchio, il cardo mariano, l’achillea e la salvia.
2.3 Tisane Ayurvediche e bevande fitoterapiche

Quando parliamo di tisane ayurvediche ci riferiamo ad una tipologia di bevande fitoterapiche che vengono utilizzate nell’ayurveda, una scienza olistica di origine antica proveniente dall’India, che si basa sul mantenere in equilibrio il corpo, la mente e lo spirito. Quindi, queste tisane, conservano ricette e combinazioni che arrivano dall’India più antica e rappresentano una sintesi di cure che segue i dettami dell’Ayurveda.
I principali medicinali utilizzati dall’ayurveda sono, in genere, minerali, metalli purificati e combinati con acidi fulvici, ma soprattutto erbe, sotto forma di polveri, pastiglie, infusi e tisane ayurvediche. La maggior parte di questi principi è dunque di natura fitoterapica, come l’Amalaki (emblica officinalis), il Trikatu, un composto di tre erbe (zenzero, pepe e pippali), l’Haridra (curcuma), il Brahmi (Bacopa Monnieri), il Tulasi (basilico sacro indiano), l’Erand (ricino comune), il Guduchi (Tinospora cordifolia), Kumari (aloe), Gokshur.

 

2.4 Rooibos o Tè Rosso

Il rooibos è conosciuto anche con il nome di tè rosso anche se non viene raccolto a partire dalla pianta del tè comune. Infatti il rooibos è un arbusto originario del Sud Africa che porta il nome scientifico di Aspalathus linearis appartenente alla famiglia delle Leguminose.

La pianta cresce nella regione del Cederberg in Sudafrica ed è ottenuta dalle foglie che dopo la raccolta, vengono tritate, fatte fermentare ed asciugate.  La bevanda si prepara per infusione ed è bevuta come un elisir di lunga vita.

La tisana di rooibos ha molte proprietà benefiche tra cui quella di rinforzare il sistema immunitario grazie proprio alla presenza di vitamina C. La composizione del suo fitocomplesso, infatti, lo rende ottimo contro batteri e virus che attaccano l’organismo tanto da avere proprietà antivirali e antibatteriche considerevoli.
Il rooibos contiene, inoltre, numerosi minerali quali il calcio, il ferro, il magnesio, il fosforo, il manganese e il fluoro che rendono il rooibos un buon remineralizzante per le ossa, i denti, le unghie e in particolare per i capelli.

Il suo sapore è leggero, piacevole e ricorda la nocciola e la malva. Il colore è rossastro e non occorre dolcificarlo perché è già gradevolmente dolce al naturale.

È il momento di una bella tisana calda. E tu quale tra questi infusi e tisane preferisci?

Articoli correlati