Lo sapevi che la carie provoca problemi al cuore?

dente cariato

Non c’è dubbio che usare spesso lo spazzolino da denti, il filo interdentale e farsi controllare regolarmente dal dentista aiutino a mantenere la bocca sana. Ma quali problemi possono causare i denti non curati? Una scarsa igiene dentale può causare malattie cardiache come l’infarto? Non ci sono prove concrete che ci sia una stretta correlazione tra carie e problemi al cuore, ma sembra proprio che sia così: da molti anni infatti gli esperti di tutto il mondo esaminano le prove scientifiche a disposizione e molti studi hanno evidenziato un collegamento tra la carie, le malattie gengivali (paradontite) e altre malattie della bocca con un aumento del rischio di sviluppare malattie al cuore. Come ci si può tutelare?

Denti cariati: conseguenze e sintomi

Quasi tutte le persone vengono colpite dalla carie almeno una volta nella vita, infatti è un processo molto comune causato dall’azione di acidi che attaccano lo smalto dei denti e lo strato esterno, provocando una vera e propria degenerazione che può raggiungere uno stato avanzato e portare a conseguenze e sintomi quali dolore, ipersensibilità a freddo e caldo, macchie sui denti, alitosi e gonfiore nella zona interessata. Quando la carie distrugge i punti interdentali di contatto, l’infezione può scatenare la papillite – infiammazione della papilla interdentale – ma se invece va a colpire il margine gengivale, può dare origine a brutte gengiviti croniche. Tra le complicanze della carie si hanno anche infiammazione della polpa (pulpite), ascesso, granuloma, cisti, gangrena pulpare e a volte piorrea. Ma non solo.

Denti cariati e cuore: quale correlazione?

Infatti, oltre alle complicanze appena evidenziate, ve ne è un’altra relativa alla carie e problemi al cuore, appunto. Una bocca sana equivale a un cuore sano? Lavarsi i denti regolarmente e usare il filo interdentale può aiutarci ad avere un cuore più efficiente? I dentisti professionisti potrebbero guardare la nostra bocca e capire se si è a rischio di malattie cardiache?

I medici rispondono a tali domande con un “forse”. È difficile dimostrare che avere i denti cariati porti problemi al cuore, ma i dati oggi in possesso mostrano che il collegamento è dato dall’infiammazione alla bocca o al gonfiore. Questa condizione infatti porta ad avere arterie indurite, chiamata anche aterosclerosi, rendendo difficile lo scorrimento del sangue verso il cuore. Comporta di conseguenza un maggior rischio di attacchi cardiaci (infarti) e anche ictus.

Le gengive sono infatti molto vascolari, il che significa che sono piene di vasi sanguigni, e la bocca è comunemente piena di batteri: carie non curate e gengive infiammate comportano dunque batteri nel circolo sanguigno, che possono andare ovunque e innescare una pericolosa infiammazione in tutto il corpo.

Parodontite e cuore

In particolare gli studi dimostrano che i batteri presenti nella malattia parodontale – o paradontite – si diffondono nel cuore, compresi gli Streptococcus sanguis, che hanno un ruolo chiave negli infarti. Le due cose sembrano andare di pari passo pertanto è bene ridurre la presenza di tali batteri nel cuore: meno batteri si avranno in circolo, meno il cuore sarà a rischio. Come si fa? Curando per bene l’igiene dentale e rivolgendosi a un dentista professionista regolarmente.

Come prevenire e curare la carie

Se da una parte può sembrare incredibile che una semplice carie non curata possa dare origine a problemi al cuore, che non hanno dunque niente a che fare con i denti in sé, dall’altro è noto che chi cura l’igiene della propria bocca ha in generale una migliore salute. Il miglior consiglio per salvaguardare la salute dei denti e del corpo in generale è quello di fare una buona prevenzione, in fondo bastano poche e semplici azioni quotidiane:

  • seguire un’adeguata igiene dentale usando lo spazzolino a setole morbide almeno tre volte al giorno, un dentifricio di buona qualità, del filo interdentale almeno una volta al giorno e collutorio antisettico;
  • seguire una dieta sana e corretta, scarsa di cibi e bevande arricchite di zuccheri e contenenti troppi carboidrati complessi;
  • masticare per bene i cibi per rafforzare la funzionalità masticatoria;
  • smettere di fumare, dato che il fumo non solo fa male ai denti ma provoca anche infezioni dentali.

È inoltre indispensabile rivolgersi a un centro specializzato per una pulizia dentale professionale ogni 6 mesi, poiché oltre a prevenire la carie contribuisce a mantenere la bocca in salute. A volte la prevenzione, purtroppo, non basta a fermare la carie. Se stai cercando un dentista a Bergamo o vicino Brescia che risolva il problema – e non solo – in pochissimo tempo, prova Impladent, che si distingue dagli altri studi dentistici per igiene, velocità, tecniche innovative e garanzia a vita su tutti gli impianti dentali.