Stanchezza, astenia, sonnolenza: cause e rimedi

astenia sonnolenza

Sentirsi stanchi, assonati e senza forze può capitare a tutti, ma può anche essere una costante per alcune persone. In questo caso, se il sonno notturno non è mai gratificante e se durante il giorno ci si sente sempre molto stanchi e provati, è bene riflettere sulla qualità del proprio sonno.

Infatti se la stanchezza persiste da settimane, e se nonostante si cerchi di dormire un numero adeguato di ore non si è mai davvero riposati, potrebbe darsi che si tratti di un caso di astenia.
Questo termine individua uno stato di esaurimento fisico per il quale ci si sente sempre molto stanchi, provati, senza energia. Sia ben chiaro che la stanchezza, di per sé, non è una malattia, ma può essere una spia della condizione del corpo, la conseguenza di uno stile di vita non adeguato, dell’assunzione di un determinato farmaco e via dicendo.

La sensazione costante di fatica, di sonnolenza, stanchezza e mancanza di riposo può quindi essere una sorta di allarme da parte del corpo.
Innanzitutto, per poter risolvere la questione, risulta necessario capire quali siano le cause dell’astenia.

Cause dell’astenia

Cause della condizione di stanchezza cronica possono essere in primis le malattie trascurate.
Ci sono sindromi e patologie che, fra i loro sintomi, annoverano proprio quello di una stanchezza molto pesante.
La celiachia, cioè l’intolleranza al glutine, se non curata può causare questa condizione; anche l’anemia, cioè la carenza di ferro, può provocare un effetto di forte stanchezza soprattutto nelle donne con mestruo abbondante.
La fibromialgia è caratterizzata da dolore e da stanchezza. In generale il diabete provoca, fra i sintomi comuni, anche una stanchezza accompagnata da perdita di peso e da una costante sete.
L’ipotiroidismo ha fra i sintomi comuni quello della stanchezza, così come la mononucleosi, la sindrome delle apnee notturne, ed infine anche il tumore.

L’astenia e la stanchezza possono però scaturire non già da una patologia, ma piuttosto dall’assunzione di alcuni farmaci.
In questo caso, sono soprattutto gli antidepressivi, i farmaci per nausea e vomito, quello antistaminici e per la cinetosi a causare una stanchezza duratura e costante nel tempo.
Senza dimenticare che in altri casi è invece lo stile di vita scorretto a causa stanchezza: il consumo eccessivo di alcol, caffè, di cibo spazzatura e restare troppo a lungo svegli la sera può causare questa sensazione di stanchezza.

Rimedi per l’astenia

Se si soffre di astenia, è bene agire su quelle che sono le cause allo scopo di eliminare questa condizione di stanchezza.
Per mantenere costanti i livelli di energia disponibili nel corpo, sarebbe meglio non concentrare tutti i pasti in due-tre al giorno ma suddividerli in 5/6 piccoli pasti.
Se necessario, è bene cercare di perdere peso e di moderare l’attività fisica in modo da non fare sessioni giornaliere troppo pesanti, se da essa dipende la sensazione di stanchezza.

Per cercare di stare meglio e di combattere l’astenia, è anche necessario cercare di migliorare l’igiene del sonno. Bisogna quindi dormire almeno 7/8 ore, e per una migliore qualità del sonno potrebbe essere utile, ad esempio, utilizzare materassi in memory foam che sostengono meglio la colonna vertebrale permettendo alle tensioni del corpo di scaricarsi e di riposare meglio.
Bisognerebbe altresì ridurre il consumo di caffeina, di alcol e di cibo pesante, soprattutto la notte. Per evitare la disidratazione, è buona norma bere almeno 1,5 litri di acqua, in quanto anche la carenza di acqua può essere alla base della stanchezza fisica persistente.

È buona norma cercare di esporsi al sole, la cui luce stimola la produzione ormonale del corpo e regola i ritmi circadiani aiutando il corpo a riposare meglio nel corso della notte.