Tumore al polmone, ecco i segni che devono insospettire 

tumore polmone

Il tumore, al giorno d’oggi, è una delle cause di malattia più diffuse nel mondo e purtroppo produce milioni di vittime. Uno dei tumori più temibili e diffusi è quello al polmone. Causato principalmente dal fumo e dall’inquinamento, si tratta di uno dei tumori più letali e temibili perché ha pochissimi sintomi: riconoscerlo, quindi, non è semplice.

Tuttavia la scienza ha permesso di isolare, grazie all’osservazione, alcuni sintomi che – da soli o presi assieme – possono far scattare un campanello d’allarme, il quale non deve gettare nel panico ma semplicemente condurre a fare degli accertamenti medici mirati il prima possibile.

In molti casi, il tumore ai polmoni resta asintomatico nelle fasi iniziali e non è raro che lo si scopra per mezzo di altri esami, effettuati per motivi diversi.

  • Tosse. Uno dei primi sintomi che può essere ricondotto al tumore ai polmoni è la tosse, secca o con catarro (talora catarro con presenza di sangue). Si tratta del sintomo che il 70% delle persone con tumore ai polmoni ha dichiarato di aver sperimentato.
    La tosse però è anche sintomo possibile di altri problemi come patologie respiratorie, bronchiti, e via dicendo.
  • Emottisi: perdite di sangue con i colpi di tosse. Purtroppo tante volte si sottovaluta questo aspetto ma la presenza di sangue misto a muco non deve mai essere sottovalutata, e bisognerebbe rivolgersi sempre al medico, può essere sintomo di tumore ai polmoni ma anche di altre gravi malattie.
  • Infezioni respiratorie ricorrenti. Il fatto di incorrere spesso in infezioni respiratorie, come polmoniti e bronchiti, o una loro guarigione lenta, può essere un segnale d’allarme.
  • Dolore al torace persistente, che talora aumenta quando si respira o sulla base della posizione.
  • Difficoltà a respirare, fischio, respiro corto. Possono essere sintomi di altre malattie delle vie respiratorie ma anche di tumore ai polmoni.
  • Febbre: in genere è sintomo scatenato dalla polmonite con infiammazione o infezione batterica secondaria.
  • Raucedine: il tono della voce risulta alterato, la voce diviene stridula, acuta.
  • Dolore, debolezza a spalle, mani, braccia.
  • Disfagia, o difficoltà a deglutire: potrebbe essere segno che il tumore ai polmoni ormai sta premendo sull’esofago.

Ovviamente, se il tumore è in metastasi, i sintomi possono provenire anche da altre zone del corpo e non avere connessione coi polmoni.

La sintomatologia che presenta più segnali dovrebbe essere esposta al medico prima possibile, si hanno più possibilità di combattere e vincere il tumore se lo si trova in tempo.

Articoli correlati