Calze elastiche a compressione graduata: a cosa servono?    

Calze-elastiche-a-compressione-graduata

Calze elastiche: cosa sono e quale compito svolgono

Molto spesso si sente parlare di calze elastiche a compressione graduata ma purtroppo, ad oggi, non tutti sanno precisamente di cosa si tratta. Con questa piccola guida vorremmo finalmente fare luce su questo particolare indumento studiato appositamente per gli arti inferiori. La calze elastiche si presentano come della tradizionali calze dal punto di vista estetico ma nella loro struttura si differenziano molto da queste ultime, esse infatti sono dotate di una particolare maglia in grado di esercitare sulla gamba una compressione non uniforme in diversi punti. La compressione avviene in maniera decrescente, nella parte più bassa infatti, ovvero nella zona della caviglia, essa è molto più forte rispetto a quella a cui è sottoposta la zona delle cosce. In commercio esistono numerosi tipologie di calze elastiche a compressione graduata, le principali differenze sono da attribuirsi ai compiti che sono chiamate a svolgere: calze elastiche a compressione graduata a scopo terapeutico o medicale, calze elastiche definite “da riposo” a scopo preventivo utilizzate per il tempo libero e il lavoro e, non per ultimo, quelle destinate alla pratica sportiva.

A cosa servono queste particolati calze?

Ora che sappiamo bene di cosa si tratta, sarebbe buona cosa capire anche il perché della loro progettazione. Le calze a compressione graduata nient’altro sono che dei presidi medici studiati appositamente per favorire, attraverso la pressione su determinate parti della gamba, il flusso della circolazione sanguigna verso l’alto, esercitando un micromassaggio che previene la comparsa di vene varicose, il ristagno dei liquidi e permette una corretta ossigenazione dei muscoli degli arti inferiori. Il conclusione possiamo quindi dire che queste particolari calze aiutano il sangue a risalire dalla periferia del nostro corpo al cuore, andando a minimizzare i problemi derivanti dalla patologia dell’insufficienza venosa. Ma come mai la compressione viene eseguita dalla calza con diversa intensità? La risposta è semplice e trova la sua esemplificazione del fatto che il sangue deve essere mantenuto fluido a seconda del tipo di patologia che viene chiamata a trattare. Le calze elastiche non sono da considerarsi come semplici calze strette e in grado di fasciare bene la gamba, ma devono essere usate sotto supervisione medica per prevenire e curare delle patologie che insorgono naturalmente durante il ciclo vitale di un individuo.

Calze elastiche ad uso medicale

Le calze a compressione graduata possono essere prescritte, come abbiamo già accennato, per evitare alcune patologie molto gravi a carico dell’apparato circolatorio. Tra le più diffuse in commercio troviamo le calze antiembolismo, studiate appositamente per minimizzare i rischi di embolie da trombo, quelle terapeutiche utilizzate per le patologie venose di grave entità e quelle antiulcera, progettate per evitare lacerazioni della parte inferiore dell’arto colpito da patologia venosa cronica. Queste calze sono dei veri e propri presidi medici che vengono prescritti ai pazienti proprio dai dottori e dai chirurghi, per essere utilizzare prima, dopo e persino durante gli interventi. Lo scopo di queste calze è quello di limitare la viscosità del sangue che potrebbe a sua volta sfociare nella formazioni di trombi. Sul mercato troviamo diversi tipi di calze a scopo medico, si differenziano le une della altre in base alla lunghezza: il gambaletto, che va dalla punta del piede fino sotto il ginocchio, la calza che invece copre fino sopra l’articolazione precedentemente citata e il monocollant, dotato di una cintura regolabile. Le calze medicali sono per la maggior parte dei casi fatte di Elasthan e Poliammide, questi materiali infatti sono stati impiegati per via della loro comodità, della facilità del loro lavaggio e per le caratteristiche di compressione in grado di rimanere immutate nel tempo. La facilità con cui possono essere indossare queste calze è davvero molto alta, il materiale risulta inoltre ipoallergenico e in grado di garantire un alto grado di igiene.

Calze elastiche riposanti e per uso sportivo

Un altro tipo di calza elastica è quella riposante, essa si differenzia da quella medicale per via del suo minore grado di compressione che la rende indossabile per lunghi periodi di tempo senza precludere la comodità del suo utilizzatore. Questa calza riposante viene caldamente consigliata in seguito a fatiche sportive intense oppure a coloro che per lavoro sono costretti a rimanere in piedi per molto tempo, si pensi ad esempio ai camerieri, agli operai delle catene di montaggio, agli infermieri e alle commesse. Le patologie che più comunemente si incontrano sono senza ombra di dubbio le vene varicose. L’insufficienza venosa è quindi una grave patologia da tenere sotto controllo, per limitare i suoi danni quindi, sia che siate degli sportivi oppure dei professionisti, è bene premunirsi di questo capo d’abbigliamento. In commercio i filati tecnici sono davvero moltissimi e sono progettati per garantire il massimo del comfort e della facilità della calzata, non perdete quindi tempo e cercate di limitare i danni e favorire il recupero fisico attraverso queste calze elastiche di ultima generazione.

Articoli correlati