La Casa adatta all’anziano

Oggi il benessere dell’anziano si misura anche con la qualità della vita nell’ambiente casalingo, che deve essere sicuro e permettere alla persona con ridotta mobilità, affetta da disabilità psichica e sensoriale o semplicemente di età avanzata di muoversi e vivere in piena autonomia.

Si parla, a questo proposito, di tutta una serie di temi che vanno dalla casa smart ai sistemi di anti-intrusione e video-sorveglianza, dall’abbattimento delle barriere architettoniche ai servizi di telesoccorso e tele-ascolto, ma non solo.

In una società che invecchia molto velocemente (leggi gli ultimi dati Istat) e in cui il numero degli anziani aumenta in modo esponenziale, una abitazione fatta su misura per loro permette di facilitare anche l’assistenza da parte dei care giver. Vediamo, allora, come intervenire per creare davvero una casa su misura per chi è ormai in età avanzata, senza rinunciare allo stile, come spiega in questo articolo su L’Espresso l’architetto Maria Benedetta Spadolini.


Ambienti luminosi e vie di accesso su misura

Con l’avanzare dell’età la vista si riduce e l’anziano è maggiormente soggetto ad incidenti: per questo nella casa su misura per la persona in età avanzata gli ambienti devono essere luminosi e corridoi e scale ben illuminati. Una bella idea è arredare l’ambiente con interruttori fosforescenti, per facilitarne l’individuazione anche di notte.

Anche porte e finestre devono essere su misura per l’anziano e permettere un utilizzo facilitato anche da chi ha minore forza nelle braccia o limitarne l’accesso in caso di demenza e problemi psichici. Piccoli dettagli come la maniglia a forma di leva possono permettere alla persona anziana di aprire e chiudere in autonomia porte e finestre, mentre in caso di deficit cognitivo come l’Alzheimer o la demenza è bene limitare l’accesso dell’anziano all’esterno.


Assistenza anziani ed eliminazione delle barriere architettoniche

Una condizione importante per parlare di casa a misura di anziano è la realizzazione di un ambiente che favorisca la mobilità in autonomia della persona e non presenti ostacoli. Non pensiamo, in questo caso, solo a scale e gradini per cui la soluzione migliore restano le piattaforme elevatrici, ma anche a tappeti e fili su cui la persona potrebbe inciampare.

L’installazione di un elevatore o piattaforma elevatrice permette anche all’anziano o alla persona con difficoltà motorie di superare rampe e scalini, con il conseguente abbattimento delle barriere architettoniche, anche nella casa a più piani. Non solo: la piattaforma elevatrice permette il superamento di tutti i dislivelli a chi si muove in carrozzina, come l’accesso all’appartamento o ad un piano rialzato.

Eliminare le barriere architettoniche significa ridurre notevolmente non solo i disagi per le persone anziane, ma anche il rischio di cadute. Altri consigli utili per una casa a misura di anziano riguardano la stanza da bagno, che deve prevedere un corrimano a cui l’anziano possa appoggiarsi ed essere preferibilmente di piccole dimensioni oltre che dotata di piastrelle antiscivolo.


Prevenzione e sicurezza nella casa su misura per gli anziani

L’anziano di oggi, pur nelle sue difficoltà di movimento, è una persona che ama il bello e lo stile e vuole una casa su misura per lui, anche accogliente e sicura. In questo caso un valido aiuto viene dalla domotica, che assicura all’anziano autonomia e sicurezza allo stesso tempo.

Oltre agli accorgimenti visti sopra, nella casa per persone di età avanzata è consigliabile sostituire l’impianto a gas con uno elettrico, per evitare dimenticanze o rischio di combustione.

Sempre dalle moderne tecnologie domotiche derivano sistemi di videosorveglianza e di allarme a misura di anziano, dato che proprio le persone di una certa età sono maggiormente vittima di furti. Grazie al videocitofono, ad esempio, l’anziano può vedere chi suona alla porta ed aprire in piena tranquillità senza correre il rischio di essere importunato o subire aggressioni.


Assistenza anziani: la possibilità di chiedere aiuto con facilità

Sicuramente una casa su misura per l’anziano limita il rischio di incidenti ed infortuni, ma purtroppo non lo annulla mai del tutto. Ecco perché, nel predisporre l’appartamento per la persona di una certa età è bene prevedere dei sistemi che permettano a chi vive al suo interno di chiedere aiuto con facilità.

Ci riferiamo, in questo caso, ai tanti strumenti di assistenza immediata disponibili sul mercato, che vanno dal braccialetto smart al telefono per l’assistenza immediata, dotati di funzioni avanzate che vanno dal tradizionale tasto SOS per chiamare un numero memorizzato alla geo localizzazione dell’anziano, fino al monitoraggio delle funzioni vitali qualora si scelga uno dei moderni braccialetti per l’assistenza anziani.


I vantaggi dell’assistenza domiciliare anziani

Non tutti gli anziani, tuttavia, giunti ad una certa età amano vivere da soli e in questo caso una valida alternativa alle residenze per anziani o alla casa di riposo è l’assistenza a domicilio, che risulterà decisamente più semplice in una casa priva di barriere architettoniche. Pensiamo, ad esempio, proprio alla piattaforma elevatrice che sarà di aiuto al care giver e alla persona che assiste l’anziano per superare agevolmente le scale che, ad esempio, portano alla camera da letto al piano superiore oppure gli scalini che si trovano all’ingresso dell’appartamento, così come ogni altro ostacolo presente in casa.

Per dare l’idea dei numeri di questo fenomeno, basti pensare che oggi gli anziani con più di 65 anni e che necessitano di assistenza sono circa tre milioni e, di questi, circa 370 mila ricevono proprio assistenza a domicilio, come rivela la ricerca di Italia Longeva, network composto dal Ministero della Salute, dalla Regione Marche e dall’Istituto Nazionale Riposo e Cura Anziani.

Realizzare una casa a misura di anziano e scegliere l’assistenza a domicilio in un ambiente privo di barriere architettoniche significa soprattutto migliorare la qualità della vita della persona, limitare il declino delle funzioni mentali e fisiche anche in caso di malattie croniche e favorire l’utilizzo delle abilità cognitive residue. La persona che resta nel suo ambiente ha, quindi, una vecchiaia più sana e a stretto contatto con i familiari e non vive i disagi dell’ospedalizzazione.

Oggi tutto questo è possibile per ogni anziano, grazie alla domotica, agli ausili per l’abbattimento delle barriere architettoniche e alla possibilità di contare su dispositivi di video sorveglianza, tele soccorso e sull’assistenza a domicilio.